Lun-Ven: 9/13 - 14:30/19

Sabato 9/13 su appuntamento

via Carlo Alberto, 34

20900 Monza - MB

+39 039 39.00.229

info@colinapessina.it

Confronta gli annunci

La riforma catastale salto nel buio

La riforma catastale salto nel buio

La riforma catastale, con previsto inserimento del criterio fondato sui valori di mercato per metro quadrato, non ha nulla a che vedere con il recupero dell’evasione fiscale e gli immobili fantasma. Siamo tutti d’accordo che l’evasione vada debellata, ma resta la motivazione di fondo a sostegno della riforma: incrementare il gettito fiscale derivante dagli immobili. Perché è di questo che si tratta. La Commissione Europea, l’Ocse e gli enti allineati insistono nel “raccomandarci” un maggior prelievo fiscale sugli immobili, nel presupposto che in Italia il gettito complessivo del settore, in rapporto al Pii, sia inferiore alla media europea. Come è mai possibile che ciò possa essere, quando tutti coloro che pagano le imposte immobiliari si rendono invece conto che ormai siamo giunti ad un livello intollerabile? Ammesso e non concesso che l’assunto europeo sia veritiero dobbiamo dire che ciò può essere e che l’Europa deve prenderne atto e premere perché si eliminino le cause. Il fatto è che in Italia, a differenza di quanto accade nel resto del Continente, il 60% degli immobili residenziali è fiscalmente improduttivo: non concorre, in assenza di reddito tassabile, al “gettito” non solo con l’Imu, ma nemmeno con l’Irpef, l’Ires, l’imposta di registro, l’Iva. Questo perché ben 1’80% delle famiglie abita la casa a titolo di proprietà o equiparato, contro una media europea attorno al 50%. È su questa anomalia che occorre lavorare, con una politica che potenzi la locazione. Del tutto capzioso, poi, il discorso dell'”invarianza o parità” che la legge intenderebbe assicurare. Che non è invarianza del carico fiscale gravante sui singoli contribuenti, bensì del gettito complessivo introitato dal Fisco. A fronte di tutto ciò il Fisco risponde: una volta entrata in vigore la riforma vedremo le conseguenze. Se ci saranno distorsioni applicheremo i correttivi: in attesa dei quali il “paziente” potrà defungere. Un salto nel buio, dunque. Si è mai vista una legge di cui dichiaratamente non si sia in grado di prevedere gli effetti?  ( Achille Colombo Clerici – presidente Confedilizia )

img

Alberto Pessina

Post correlati

Il Superbonus diventa più facile

Superbonus più semplice per i condomini e eventuali risparmi della misura che andranno alla...

Continua a leggere
Alberto Pessina
di Alberto Pessina

Il fisco italiano penalizza il “mattone”

Le tasse sugli immobili, in Italia, pesano molto, troppo. A dirlo sono i dati. In totale, il carico...

Continua a leggere
Alberto Pessina
di Alberto Pessina

Appello per semplificare il bonus 110%

Semplificare il Bonus 110%: appello di Assimpredil Ance, architetti e ingegneri, Comune Milano...

Continua a leggere
Alberto Pessina
di Alberto Pessina

Partecipa alla discussione